Benvenuto, Ospite Ricerca | Topic attivi | Log In | Registrati

Porsche 911 RS 1972.......Turbo conversion 1/8 Opzioni
frah2o
#1 Inviato : mercoledì 20 maggio 2020 08:27:15

Rank: Utente Pro

Gruppi: Registered

Iscritto: 01/04/2016
Messaggi: 254
Points: 768
Locazione: Ferrara
Nel mentre sto finendo le 2 solite delta, ho iniziato a ragionare sul mio prossimo progetto.

E' doveroso fare una premessa, il mio buon amico Riccardo Zanelli ha cercato di portarmi sulla "retta" via dello storico....ma per certe auto proprio non ci riesco e non mi piacciono.
L'idea sarebbe stata una LeMans (la gara di 4H di contorno alla 24) #62 pilotata da Lennep con livrea Martini in versione aspirata.....da non confondersi con la Turbo #46 sempre usata da Lennep, sempre a LeMans, sempre Martini ma alla 24H.
Auto bellissime, ma che non mi fanno scoccare la scintilla come una mp4/4 o una Delta. Se continuerò a modellare i miei soggetti storici saranno le F1, le WRC e qualche LeMans....il resto mi piace custom o tuning.

Detto ciò, come per il golf, la mia ispirazione parte da una Porsche vista dal vivo al Woerthersee 2013....una magnifica 964 americana praticamente originale se non bassissima (airride) e un treno di rotiform.
L'idea della mia Porsche si basa su questo: una vettura dalle forme originali (praticamente una sleeper....se sleeper si può definire una Porsche) "sbattuta" a terra, 4 cerchi ma con un motore turbo e quindi probabilmente con tutto il posteriore aperto e con turbo ben visibile proprio come sulla RSR di Lennep a Lemans

Ora studiando i vari motori tra le varie 935 del 76 e del 79 ci sarà un bel pò da lavorare e non sarà una passeggiata...anzi non so nemmeno se sarò in grado.

Ho le prime 21 uscite doppie con la possibilità di capire quanto sarà arduo spostare in orizzontale la ventola del raffreddamento o se mantenerla in verticale

I problemi più grossi saranno:
-Collettori di scarico
-Wastegate
-Aspirazione turbo
-alternatore


Il resto sarà la classica 2 posti, svuotata internamente, gabbia e il solito mix di carbonio, airride e cerchi bbs

Vedremo che paciugo ne uscirà fuori.
























frah2o
#2 Inviato : giovedì 11 marzo 2021 13:09:14

Rank: Utente Pro

Gruppi: Registered

Iscritto: 01/04/2016
Messaggi: 254
Points: 768
Locazione: Ferrara
Nel frattempo che finisco le ultime 2 (ennesime e pallosissime ma anche ultime) delta mi sono preso un po' di tempo per confrontare le scocche (in parte di quella DeA) delle Porsche.


RS 1/8 Dea vs RSR 1/8 EidaiGrip
Credo che una volta terminate le Porsche partirò con un doppio progetto….la mia RS trasformata in turbo e la RSR rigorosamente storica 1974....ma ancora devo decidere se replicherò la gara di Le Mans o Brands Hatch sempre 1974















frah2o
#3 Inviato : giovedì 11 marzo 2021 13:10:14

Rank: Utente Pro

Gruppi: Registered

Iscritto: 01/04/2016
Messaggi: 254
Points: 768
Locazione: Ferrara
Delta ormai quasi archiviate...finalmente liberatomi da quella che ormai sembrava una prigionia, posso finalmente tornare ai miei modelli e paciughi.

Ho iniziato a lavorare sull’altezza, suoi nuovi cerchi e sulle modifiche che dovró fare per convertire questo flat six aspirato in turbo.

Ho preso fuori i futuri cerchi sempre di provenienza RC che hanno un diametro leggermente maggiore dei fuchs originali e che calzano abbastanza bene sui pneumatici originali della golf gti.











Ho iniziato con l’assemblare tutto il gruppo telaio, trasmissione, sospensioni per lavorare sull’assetto....che da originale è un cammello/calesse. Montando il posteriore e l’anteriore ho già individuato dove ci sará da modificare per farla scendere.






Il cerchio presenta un canale più largo e per tallonare il pneumatico l’ho cinturato con una striscia di plasticard per farlo spanciare alla stessa larghezza del cerchio.










frah2o
#4 Inviato : giovedì 11 marzo 2021 13:11:25

Rank: Utente Pro

Gruppi: Registered

Iscritto: 01/04/2016
Messaggi: 254
Points: 768
Locazione: Ferrara
Come già detto da originale è alta come un cammello













Al posteriore per abbassarla ho eliminato un perno che fungeva da fondo corsa sul giunto dove si fissa il braccio oscillante.
Ho rimosso quello e accorciata la molla di 9mm e utilizzato un distanziale per alzare il fine corsa dell’ammortizzatore...è scesa come piace a me.













frah2o
#5 Inviato : giovedì 11 marzo 2021 13:12:26

Rank: Utente Pro

Gruppi: Registered

Iscritto: 01/04/2016
Messaggi: 254
Points: 768
Locazione: Ferrara
All’anteriore c’è stato invece da lavorare maggiormente e più invasivamente in quanto sia i trapezi andavano a toccare e interferire con telaio. I braccetti di sterzo facevano da molla di contrasto e i parafanghi anteriore non permettevano l’alloggiamento del pneumatico con un rilassamento cosi drastico.











Oltre ad assottigliare le nervature dei trapezi, Ulteriore interferenza è causata da un tirante di rinforzo sul trapezio stesso....e ho iniziato a creare lo scanso (in gergo tuning a notchare) sul telaio.














Arrivato a questo punto, già molto meglio...ma con l’anteriore non sono ancora molto soddisfatto.









frah2o
#6 Inviato : venerdì 12 marzo 2021 08:12:34

Rank: Utente Pro

Gruppi: Registered

Iscritto: 01/04/2016
Messaggi: 254
Points: 768
Locazione: Ferrara
Altre interferenze nel farla scendere all’anteriore sono i parafanghi interni e la “crescita” in verticale degli ammortizzatori rialzati...la testa degli ammo andavano a colpire la vasca interna del baule anteriore.

Ho iniziato a limare ma non è bastato, ho sostituito le viti con rondella con delle flangiate di provenienza delta ma ancora non bastava.

Ho tagliato la parte di parafango che interferiva con la ruota ma ancora avevo delle interferenze per farla scendere.















frah2o
#7 Inviato : venerdì 12 marzo 2021 08:13:41

Rank: Utente Pro

Gruppi: Registered

Iscritto: 01/04/2016
Messaggi: 254
Points: 768
Locazione: Ferrara
Ho modificato l’alloggiamento della scatola di sterzo innalzandola per far lavorare meglio i braccetti e senza avere l’effetto di un tirante in tensione.

Ho innalzato l’alloggiamento delle sedi della scatola guida e usato viti più lunghe, in questo modo i braccetti lavorano con geometrie meno assassine e sono neutri come tensione.












Inoltre per ovviare al problema degli ammortizzatori anteriori troppo alti, ho forato più in profondità gli steli per avere più corsa per la vite e infine li ho accorciati di 4mm








E ora il risultato è quello che andavo cercando



frah2o
#8 Inviato : venerdì 12 marzo 2021 08:14:46

Rank: Utente Pro

Gruppi: Registered

Iscritto: 01/04/2016
Messaggi: 254
Points: 768
Locazione: Ferrara
Una volta trovata la quadra dell’assetto sono arrivato al primo “punto di non ritorno”.

A immagine e somiglianza di sua sorella RSR ho asportato la traversa della carrozzeria e del telaio...col turbo a sbalzo posteriore non serviranno più.


























Inizierò il motore per ricostruire da zero il traliccio centrale come nella RSR, tutto il sistema dell’intercooler e il nuovo impianto di scarico (almeno sulla carta...poi spero di riuscirci)
frah2o
#9 Inviato : sabato 13 marzo 2021 09:37:02

Rank: Utente Pro

Gruppi: Registered

Iscritto: 01/04/2016
Messaggi: 254
Points: 768
Locazione: Ferrara
Per continuare il discorso apertura del vano motore nella zona traversa e per iniziare a ragionare sul gruppo turbo-scarichi e intercooler, è obbligatorio il montaggio del motore.

Ho assemblato i macro componenti per iniziare a ragionare sugli ingombri.









frah2o
#10 Inviato : sabato 13 marzo 2021 09:43:38

Rank: Utente Pro

Gruppi: Registered

Iscritto: 01/04/2016
Messaggi: 254
Points: 768
Locazione: Ferrara
Il turbo sarà posizionato nella zona come su sua sorella RSR. Anzi già da ora inizia il mutuo aiuto con la Eidai.
Nella RSR la vasca del motore non è completa come sulla RS, i supporti motori verso l'apertura del cofano motore non sono presenti e il motore è fissato con l'ausilio di un traliccio trapezoidale direttamente collegato a i longheroni del telaio.

Questo traliccio oltre che essere un punto di fissaggio del motore ha anche la funzione di supporto del turbo.

Mia idea è di replicare questo traliccio usando quello Eidai come matrice per le quote dato che si fissa perfettamente su longheroni della DeA.









frah2o
#11 Inviato : sabato 13 marzo 2021 09:45:08

Rank: Utente Pro

Gruppi: Registered

Iscritto: 01/04/2016
Messaggi: 254
Points: 768
Locazione: Ferrara
I monoblocchi inferiori a confronto sono sempre l'Eidai e la Dea.

Nella RSR è stato riprodotta l'alettatura dei cilindri e i 6 attacchi dei collotterori di scarico, inoltre le 4 canne (credo che coprano i prigionieri che fissano le teste) sono asportabili e vi è la presenza di un accenno di bulloneria.

Le teste e corpo cilindri della Dea non si possono guardare. Questa RS nasce per montare lo scarico originale dotato dei 2 silenziatori laterali e quello centrale.
Trasformandola in turbo tutto questo scarico rimarrà nello scatolone.

Morale mi sono messo il cuore in pace e ho iniziato a segare e limare per spianare la prima della 2 bancate.

Mia idea è di provare a ricostruire col plasticard le alette (o almeno parte) e di costruirmi le luci di scarico da cui partiranno i 6 collettori che convergeranno poi al turbo….ad immagine e somiglianza sempre della RSR













Utenti che sfogliano il topic
Guest (2)
Forum Jump  
Tu NON puoi inviare nuovi topic in questo forum.
Tu NON puoi rispondere ai topics in this forum.
Tu NON puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum.
Tu NON puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum.
Tu NON puoi creare sondaggi in questo forum.
Tu NON puoi votare nei sondaggi di questo forum.

DeAgostini