Benvenuto, Ospite Ricerca | Topic attivi | Log In | Registrati

Fascicoli 101-105 Opzioni
admin
#1 Inviato : giovedì 21 luglio 2016 10:11:04
Rank: Amministratore

Gruppi: Administrator, Administrators

Iscritto: 07/01/2015
Messaggi: 625
Points: 1.910
Locazione: UK
Fascicolo 101

In allegato, il piano per installare le griselle, vela di fiocco, vela di controfuoco, mezze canne, anelli di ottone e un bozzello.

L’applicazione dei tossi sulle sartie di gabbia
Taglia il tondino di ottone da 1 mm allegato all’uscita 93 in sei pezzi di 13 mm di lunghezza. Con il metodo illustrato nel fascicolo 95, fissa i pezzi (tossi) sulle sartie di gabbia dei tre alberi all’altezza del bordo inferiore del collare a sezione ottagonale.

Le sartie degli alberetti
Lega un pezzo di filo nero da 0,25 mm attorno all’alberetto di velaccino al di sopra del collare ottagonale. Le due estremità del filo devono scendere lungo il lato sinistro dell’alberetto, terminando circa 50 mm sotto i tossi. Fai passare il filo anteriore attraverso il foro all’estremità della barra traversa anteriore della crocetta di trinchetto. Fai passare il capo del filo tra la prima e la seconda sartia di gabbia di trinchetto. Fissa il capo alla prima sartia, appena sotto al tosso, con due mezzi colli.
Ripeti l’operazione con l’altra sartia, inserendo il filo nel foro della barra centrale e conducendolo tra la terza e la quarta sartia. Legalo a quest’ultima con due mezzi colli. Annoda un pezzo di filo da 0,25 mm sopra il collare ottagonale e fallo scendere circa 50 mm sotto il toso. Fallo passare attraverso il foro della barra posteriore e tra la quinta e la sesta sartia. Legalo a quest’ultima con due mezzi colli. Ripeti il procedimento sul lato destro.
Installa le sartie dell’alberetto di velaccio, ripetendo il procedimento appena eseguito. Prima di installare le sartie, ricorda di allentare lo straglio di velaccio, a meno che tu non l’abbia già sigillato con la colla.
Per disporre le sartie dell’alberetto di belvedere, ripeti lo stesso procedimento, badando prima di allentare lo straglio di contromezzana. Le sartie sono solo due per lato. La sartia anteriore passa tra la prima e la seconda sartia di contromezzana ed è legata alla prima sotto la crocetta. La sartia posteriore passa tra la terza e la quarta sartia di contromezzana ed è assicurata a quest’ultima sempre sotto la crocetta.

La realizzazione delle griselle
Vi sono due sistemi per montare le griselle. Il più tradizionale prevede l’utilizzo del nodo parlato, che era quello impiegato sulle navi vere. Esso tuttavia presenta qualche inconveniente.
I nodi appaiono fuori scala; il procedimento è molto lungo; è inoltre difficile eseguire ciascun nodo alla giusta altezza, lasciando il corretto lasco tra le sartie. Il filo inoltre tende a disporsi a zig-zag, dando alle griselle un aspetto poco realistico.
Se lo desideri, puoi usare il nodo parlato. Nella Guida al montaggio e nel nostro Diario, però, è stato adottato un sistema alternativo che ha permesso di ottenere un risultato migliore in minor tempo.
Identifica i disegni delle griselle di ciascun albero; per ogni albero, inoltre, distingui i disegni delle griselle che vanno sul lato destro da quelle destinate al lato sinistro. Puoi installare le griselle partendo dall’albero che preferisci. Può essere una buona idea cominciare dall’albero di mezzana, dove le griselle sono di meno che sugli altri alberi.

Le griselle delle sartie di trinchetto
Il procedimento è identico per ogni albero; le immagini sotto riguardano vari alberi.
Ritaglia il disegno delle griselle dell’albero di parrocchetto per il lato del modello sul quale stai lavorando (destro o sinistro). Fissalo dietro le sartie con dei fermagli, facendo combaciare le linee tratteggiate in basso con il centro delle bigotte e rifilando la parte superiore così da farla arrivare sotto la crocetta. Non cercate di allineare le sartie al disegno: quello che ci interessa, infatti, è la distanza tra le griselle; non importa se la posizione del tosso sul tuo modello varia leggermente.
Infila in un ago un pezzo di filo écru da 0,25 mm. Fai passare l’ago nelle sartie, badando di centrarle e di seguire le linee rosse sul disegno. La sezione inferiore delle sartie sarà indurita perché le legature delle bigotte sono state sigillate con la colla diluita. Quando tiri l’ago, trattieni le sartie, evitando così di strapparle.
Realizza nello stesso modo tutte le griselle. Rimuovi il disegno, quindi uniforma griselle e sartie finché non risulteranno ben disposte. Poi cospargi di colla vinilica le giunture tra sartie più esterne e le estremità delle griselle. Quando la colla sarà asciutta, taglia le estremità delle griselle quasi a filo delle sartie.

Griselle delle rigge di trinchetto - Ritaglia il disegno delle griselle delle rigge di trinchetto e fissalo in posizione con dei fermagli. La linea tratteggiata sul bordo inferiore del disegno è leggermente più in alto rispetto al tosso del modello per permettere l’applicazione del filo.
Realizza le griselle come illustrato in precedenza, poi sigilla e taglia le estremità dei fili.

Griselle delle sartie del fuso maggiore - Ritaglia e fissa in posizione il disegno delle griselle delle sartie del fuso maggiore di trinchetto. Le griselle inferiori e superiori non si estendono fino alle sartie più esterne. Osserva bene il disegno per individuare quelle che terminano prima. Realizza tutte le griselle, poi sigilla e taglia le estremità dei fili.

Le griselle delle sartie di mezzana e maestra - Per ciascun albero applica le griselle sulle sartie dell’albero di gabbia, sulle rigge e sulle sartie del fuso maggiore, poi ripeti il procedimento sul lato opposto del modello.
admin ha allegato le seguenti immagini:
V101-1.JPG
V101-2.JPG
V101-3.JPG
V101-4.JPG
V101-5.JPG
V101-6.JPG
V101-7.JPG
V101-8.JPG
v101-9.JPG
v101-10.JPG
v101-11.JPG
admin
#2 Inviato : giovedì 21 luglio 2016 10:12:39
Rank: Amministratore

Gruppi: Administrator, Administrators

Iscritto: 07/01/2015
Messaggi: 625
Points: 1.910
Locazione: UK
Fascicolo 102

In allegato, randa, bozzelli vari, bertocci e golfari.

L’installazione delle manovre di questa sessione di lavoro è spiegata in maniera esaustiva nella Guida al montaggio. Per questo abbiamo tralasciato di ripetere i vari procedimenti, limitandoci a riportare qui sotto l’immagine principale delle pagine 8-9 della Guida, dove sono chiaramente illustrate le manovre trattate.

Paterazzi - Lavora contemporaneamente su entrambi i fianchi del modello: fissa una manovra da un lato e poi applica la stessa manovra dall’altro, controllando che, quando tendi i fili, gli alberi rimangano diritti.
Evita di sigillare le legature delle manovre dormienti finché non avrai applicato gli stragli e le draglie degli alberetti, perché può darsi che occorra tenderne nuovamente qualcuna. Ricorda di rimettere in tensione le sartie allentate durante l’installazione dei paterazzi.

I paterazzi degli alberi di trinchetto e maestra
Per capire il percorso di ogni manovra, fai riferimento alle lettere riportate nella foto principale alle pagine 8 e 9 della Guida. Usa le bigotte da 4 mm allegate alle uscite 90 e 96 e i bozzelli da 4 mm forniti con il fascicolo 96.
All’epoca della battaglia di Trafalgar i paterazzetti della Victory non erano assicurati mediante bozzelli. Puoi quindi togliere l’ultimo bozzello doppio a poppavia del parasartie e annodare il paterazzetto al golfare.

I paterazzi dell’albero di mezzana
L’albero di mezzana ha un numero minore di paterazzi rispetto agli altri alberi, ma il metodo per predisporli è molto simile. A Trafalgar non vi era alcun paterazzetto di belvedere, perciò puoi rimuovere il bozzello sul parasartie più piccolo.

Stragli e draglie degli alberetti
Queste manovre discendono verso il centro della nave. Nell’immagine principale alle pagine 8 e 9 sono contrassegnate con le lettere R-W.

La vela di straglio di velaccio
Allegata all’uscita 99, questa vela va installata adottando lo stesso procedimento che hai seguito per inferire le vele di straglio precedenti. Se stai costruendo la versione del modello ‘a secco di vele’, tralascia di eseguire le operazioni descritte alla pagina 13 della Guida.
admin ha allegato le seguenti immagini:
V102-1.JPG
V102-2.JPG
admin
#3 Inviato : giovedì 21 luglio 2016 10:13:35
Rank: Amministratore

Gruppi: Administrator, Administrators

Iscritto: 07/01/2015
Messaggi: 625
Points: 1.910
Locazione: UK
Fascicolo 103

In allegato, vela di civada, mezze canne grandi e mezze canne piccole, bozzelli, filo, bertocci e golfari.

L’immagine a pagina 13 della Guida al montaggio mostra alcune manovre aggiuntive che servono per il governo della randa e che andranno installate più avanti. Quindi, se stai costruendo un modello ‘a secco di vele’, picco e boma risulteranno privi di alcune delle manovre necessarie, che saranno applicate nell’uscita 107.

La vela di straglio di belvedere
Questa vela ti è stata fornita con l’uscita 99 e va appesa in maniera simile alle altre vele di striglio. Se stai realizzando un modello privo di vele, tralascia i passi 1-7 delle pagine 8 e 9 della Guida al montaggio.

L’inferitura del fiocco e del controfiocco
Il fiocco e il controfiocco che hai ricevuto con il fascicolo 101 vanno installati in modo simile alle vele di straglio. Anche in questo caso, se non intendi dotare il tuo modello di vele, salta le operazioni descritte ai passi 1-7 della pagina 9 e 1-7 della pagina 10 della Guida al montaggio.

L’applicazione delle lanterne di poppa
Le lanterne di poppa sono state assemblate nell’uscita 94.
Inizia dalla lanterna più grande. Con una punta da 1 mm pratica un foro obliquo dall’alto verso il basso appena sopra il centro della cornice superiore del terzo ordine di finestre, sullo specchio di poppa del modello. Usando la colla cianoacrilica, fissa la lanterna nel foro.
Taglia un pezzo di filo di ottone lungo circa 60 mm e piegalo a V. Disponi l’angolo del filo attorno alla staffa di supporto della lanterna, appena sotto la base, poi taglia a misura le estremità, facendole giungere sotto la cornice del coronamento.
Se per il tuo modello hai scelto la finitura decorativa, dipingi il filo di nero. Poi fissa in posizione le estremità del filo con la colla cianoacrilica.
Per le due lanterne più piccole, esegui due fori da 1 mm in posizione tale che esse risultino un po’ più basse della lanterna grande. Le loro staffe di supporto, inoltre, devono essere leggermente all’interno rispetto agli spigoli del coronamento. Incolla le lanterne in posizione, quindi applica due pezzi di filo di ottone a V.

L’installazione del boma e del picco
Ora puoi montare sul modello il boma e il picco della randa, che hai assemblato nell’uscita 81.
Fissa quattro golfari sul coronamento. Per fare ciò, appoggia una punta di trapano da 0,6 mm sopra la cornice del coronamento e con molta attenzione pratica un foro all’interno dello spessore dell’impavesata. Il foro deve avere la stessa inclinazione dell’impavesata e rimanere quindi entro lo spessore del legno.
Lega due bozzelli semplici da 4 mm su ciascuno dei due golfari più esterni e un bozzello doppio sul tondino di ottone che unisce i due braccioli centrali di poppa.
Prendi il boma (la più lunga delle due aste) ed esegui un foro obliquo da 0,6 mm su ciascun lato della gola. Fai molta attenzione a non danneggiare le punte della gola stessa (non usare un trapano elettrico).
Inserisci un pezzo di filo écru da 0,25 mm in un foro della gola e avvolgilo attorno all’albero di mezzana. Bada che il filo (la trozza) non interferisca con i cavi di altre manovre.
Infila sul capo libero sei bertocci, poi passa il filo nell’altro foro della gola. Allontana delicatamente il boma dall’albero in modo da avere lo spazio per fare un nodo (un mezzo collo) all’estremità del filo. Tira l’altro capo del filo in modo che il nodo vada contro la gola e il boma si appoggi all’albero. Blocca il capo libero con un altro nodo stretto contro la gola, quindi taglia il filo.
Per installare il picco, ripeti il procedimento appena esposto. Questa volta, però, infila sette bertocci prima di introdurre il filo nel secondo foro della gola. Controlla che il bozzello doppio fissato al picco sia rivolto verso l’alto.
Ora devi realizzare la drizza di gola che sostiene il picco. Taglia un pezzo di filo écru da 0,25 mm lungo 500 mm e annodalo al bozzello posto sotto la coffa di mezzana. Fai passare il filo nel bozzello doppio sul picco, poi nel bozzello sotto la coffa, di nuovo nel bozzello sul picco e infine in quello sotto la coffa, lasciando pendere il capo sul lato sinistro del modello.

L’applicazione della randa
Questa vela è stata allegata all’uscita 102. Se stai costruendo un modello senza vele, tralascia i passi 1-4, 8 e 11 della Guida al montaggio. Adopera sempre filo écru da 0,25 mm, a meno che non ti venga detto diversamente. Per un modello a ‘secco di vele’ iniziamo dal passo 5 della Guida, montando la drizza di penna come descritto qui di seguito.
Annoda un filo lungo 900 mm in cima al picco. Il filo deve passare per il bozzello doppio sotto la testa di moro dell’albero di mezzana, attraversare il bozzello semplice sul picco e tornare al bozzello doppio. Fai pendere il filo sul lato destro del modello. Tendendo il filo, alza il picco in modo che risulti inclinato come nella foto del passo 9 della Guida.
Lega un filo lungo 300 mm al bozzello doppio fissato sul boma. Introduci il filo nel bozzello doppio attaccato ai braccioli di poppa, formando così la ritenuta del boma (che rimarrà allentata fino al fascicolo 107). Per ora lascia l’estremità allentata.
Assicura la drizza di penna al golfare anteriore situato sulla parte destra del ponte. Ancora la drizza di gola al golfare corrispondente sulla parte sinistra.
admin ha allegato le seguenti immagini:
V103-1.JPG
V103-2.jpg
V103-3.JPG
V103-4.JPG
V103-5.JPG
V103-6.JPG
V103-7.JPG
V103-8.JPG
V103-9.JPG
V103-10.JPG
V103-11.JPG
V103-12.JPG
V103-13.JPG
admin
#4 Inviato : giovedì 21 luglio 2016 10:15:40
Rank: Amministratore

Gruppi: Administrator, Administrators

Iscritto: 07/01/2015
Messaggi: 625
Points: 1.910
Locazione: UK
Fascicolo 104

In allegato, vela di controcivada, mezze canne, bozzelli, gallocce, anelli di ottone e chiodini.

Le operazioni che seguono sono spiegate più in dettaglio nella Guida al montaggio del fascicolo.

Le briglie e i venti di bompresso
Queste manovre servivano a controbilanciare la tensione esercitata sul bompresso dallo straglio di trinchetto.
Ti serviranno 8 bozzelli doppi forniti con il fascicolo 96 e 6 semplici allegati all’uscita 102. Avrai inoltre bisogno di filo marrone da 0,5 mm, filo naturale da 0,25 mm, filo nero da 0,8 mm e 0,25, 6 golfari e l’attrezzino in filo di ottone da 30 mm di lunghezza usato in precedenza per altre lavorazioni.

Le briglie delle aste di fiocco e controfiocco
Queste manovre passanti per la delfiniera irrobustivano le aste di fiocco e controfuoco. Per comprendere il loro percorso, osserva attentamente l’immagine principale alla pagina 8 della Guida. Avrai bisogno di due bozzelli doppi, di filo nero da 0,25 mm, di filo naturale da 0,25 mm e dell’attrezzino in filo di ottone.
Prendi un pezzo di filo nero da 0,25 mm lungo 1150 mm e legalo a un bozzello doppio. Posiziona il bozzello a metà del filo così da avere due capi lunghi 570 mm l’uno. Poi unisci al bozzello doppio un filo écru da 0,25 mm lungo 250 mm.
Iniziando a lavorare sul lato sinistro dello scafo, collega con il tuo attrezzo di filo di ottone il bozzello doppio al bozzello fissato sull’apostolo sinistro. Fai passare le estremità dei due fili prima attraverso i due golfari situati all’estremità del bompresso e poi nei due fori superiori della delfiniera. Ora devi fissare i due fili in cima all’asta di fiocco.
Il primo va legato subito dopo la legatura inferiore, il secondo appena oltre l’anello di metallo dell’asta.
Lega tra loro i due bozzelli, adottando la tecnica illustrata alla pagina 12 della Guida al montaggio del fascicolo 99.
Ripeti le operazioni appena eseguite sul lato destro del modello, facendo però passare i fili nei due fori inferiori della delfiniera e assicurandoli all’estremità dell’asta di controfiocco.

I pennoni di civada e controcivada
Nel caso tu stia costruendo un modello privo di vele completa solo i passi della Guida da 1 a 3 (nei passi 4-7 vengono applicate le vele di civada e controcivada).
Le immagini dei passi 1, 2 e 3 mostrano i pennoni attrezzati con un numero di bozzelli idoneo a un modello provvisto di vele. Il numero di bozzelli sui pennoni di un modello ‘a secco di vele’ è minore.
Prendi il pennone di civada e del filo écru da 0,25 mm con cui realizzare i marciapiedi. Fissa il filo di fianco alla seconda legatura della sezione centrale (partendo da destra). Fai passare il filo attraverso le due staffe di ottone della parte sinistra del pennone e legalo all’estremità di quest’ultimo. Il filo può essere teso o leggermente allentato.
Per realizzare il marciapiede destro, ripeti il procedimento. Cerca di tendere i fili allo stesso modo sui due lati del pennone.
I marciapiedi del pennone di controcivada si estendono da un’estremità della sezione centrale alla punta opposta dell’asta. Tendi i due fili allo stesso modo.
Se intendi dotare il modello di vele, prosegui aggiungendo le vele di civada e controcivada ai pennoni.
admin ha allegato le seguenti immagini:
V104-1.JPG
V104-2.JPG
V104-3.JPG
V104-4.JPG
V104-5.JPG
V104-6.JPG
V104-7.JPG
V104-8.JPG
V104-9.JPG
V104-10.JPG
V104-11.JPG
admin
#5 Inviato : giovedì 21 luglio 2016 10:20:04
Rank: Amministratore

Gruppi: Administrator, Administrators

Iscritto: 07/01/2015
Messaggi: 625
Points: 1.910
Locazione: UK
Fascicolo 105

In allegato, vela di trinchetto, bertocci, bigotte per trozze e bozzelli.

L’installazione del pennone di trinchetto
Recupera il pennone di trinchetto che è stato assemblato nell’uscita 71.
A pagina 8 della Guida si dice di tralasciare i passi 2-3 se s’intende costruire un modello senza vele. Non è del tutto esatto. Infatti nel passo 3 vengono installati i marciapiedi sul pennone di trinchetto, operazione che è comune a entrambe le versioni del modello.
Con un tronchesino taglia i tossi delle trilinghe di tutti gli alberi a circa 1 mm dalle estremità. Controlla inoltre che le sartie più esterne non si sfilino dai tossi.
Per fare le drizze, prendi due pezzi di filo écru da 0,5 mm (fornito con il fascicolo 98) lunghi 700 mm e annodali al pennone appena all’interno dei due bozzelli centrali.
Per realizzare il sospensore, lega al centro del pennone un pezzo di filo écru da 0,5 mm lungo 600 mm. Fai in modo che un capo sia lungo 250 mm e l’altro 350 mm. Non sigillare il nodo.
Appoggia il pennone davanti all’albero di trinchetto, disponendo le drizze e il sospensore davanti.
Lega i due bozzelli doppi posti sul pennone ai bozzelli tripli sotto la coffa di trinchetto, usando le drizze che hai applicato prima. Solleva il pennone a circa 25 mm sotto la coffa, mettendo in tensione le legature. In tal modo i bozzelli si avvicineranno fin quasi a toccarsi.
Fai passare i due capi del sospensore attraverso l’incappellaggio dello straglio di trinchetto e il foro anteriore della coffa. Inserisci l’estremità più lunga del sospensore nel golfare sulla testa di moro, falla passare nella scanalatura di quest’ultima e nel golfare situato sull’altro lato della testa di moro stessa.
Ora lega tra loro le due estremità del sospensore. Per fare ciò, con il capo corto esegui un mezzo collo attorno al capo lungo. Fai scorrere il nodo verso l’alto fino a tendere il sospensore. Poi assicura quest’ultimo facendo un altro mezzo collo sul capo lungo.

L’aggiunta della trozza
Le trozze erano collari di cavo che collegavano i pennoni agli alberi. Inizia prendendo due pezzi di filo écru da 0,25 mm lunghi 600 mm. Poi legali tra loro a una distanza di 250 mm da un’estremità.
Infila nei due capi più lunghi dieci bigotte, alternandole con nove bertocci per ciascun filo. Quindi lega i capi liberi dei due fili.
Annoda i due capi corti della trozza attorno al pennone poco all’interno di una delle due drizze. Avvolgi la trozza attorno all’albero, badando che il lato dritto delle bigotte sia rivolto all’interno.
Fissa l’altra estremità della trozza attorno al pennone poco all’interno della drizza opposta rispetto a quella precedente, poi sigilla i nodi e taglia il filo eccedente.
Ora che hai posizionato il pennone, assicura le drizze ai bittoni delle cavigliere anteriori. Introduci i fili nelle cavatoie più interne e fissali ai bittoni con uno o due mezzi colli. Sigilla i nodi e taglia il filo eccedente.

Le manovre correnti della vela di trinchetto
La foto a pagina 11 della Guida mostra le manovre in questione e le contrassegna con delle lettere. Se il tuo modello è privo di vele, ometti tutti questi passi.

Le manovre del pennone
Queste operazioni vanno effettuate indipendentemente dal fatto che tu stia montando le vele o meno. Il procedimento è spiegato in maniera dettagliata nella Guida del fascicolo, anche con l’aiuto della foto a pagina 13, in cui le manovre descritte sono illustrate e contraddistinte con lettere.
admin ha allegato le seguenti immagini:
V105-1.JPG
V105-2.JPG
V105-3.JPG
V105-4.JPG
V105-5.JPG
V105-6.JPG
V105-7.JPG
V105-8.JPG
V105-9.JPG
V105-10.JPG
V105-11.JPG
V105-12.JPG
Utenti che sfogliano il topic
Guest
Forum Jump  
Tu NON puoi inviare nuovi topic in questo forum.
Tu NON puoi rispondere ai topics in this forum.
Tu NON puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum.
Tu NON puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum.
Tu NON puoi creare sondaggi in questo forum.
Tu NON puoi votare nei sondaggi di questo forum.

DeAgostini